LA GIOVANE ETA' DEL RICHIEDENTE E IL POSITIVO PERCORSO DI INTEGRAZIONE REALIZZATO IN ITALIA FONDANO IL DIRITTO AL RILASCIO DI UN PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI UMANITARI

14/07/2017 18:56:00

Con riferimento al ricorso promosso dal nostro studio nell'interesse di un cittadino proveniente dal sud della Nigeria, richiedente protezione internazionale in Italia, il Tribunale di Milano, ritenuti inssussistenti i pesupposti per il riconoscimento della protezione internazionale, ha valorizzato il percorso di integrazione realizzato dal richiedente nel nostro Paese.

In particolare il Giudice ha evienziato, da un lato che "la giovane età del ricorrente (appena ventenne) ... e l’impossibilità di contare su una rete familiare in grado di offrirgli supporto e protezione, costituiscono tutti elementi che pongono il ricorrente in una condizione di particolare vulnerabilità" e, dall'altro come "il ricorrente – nel breve tempo trascorso in Italia – abbia già dimostrato di essersi inserito nel tessuto socio lavorativo."

Scarica il testo integrale dell'ordinanza