L'ESCLUSIONE DEGLI STRANIERI DAL SERVIZIO CIVILE È COSTITUZIONALMENTE ILLEGITTIMA

29/06/2015 18:33:21

“L’esclusione degli stranieri..impedendo loro di concorrere a realizzare progetti di utilità sociale e di conseguenza di sviluppare il valore del servizio a favore del bene comune, comporta una ingiustificata limitazione al pieno sviluppo della persona e all’integrazione nella comunità di accoglienza”.

Questa la motivazione con la cui la Corte Costituzionale, con sentenza n. 119/2015 depositata il 25 giugno, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale della norma che escludeva i cittadini stranieri dall'accesso alle selezioni per il servizio civile.

“E’ una decisione importantissima – commentano sia l’avv. Alberto Guariso, che ha assistito il giovane pakistano cui era stata negata la partecipazione al servizio civile per mancanza del requisito della cittadinanza italiana, sia le associazioni ASGI e APN che avevano promosso il ricorso – che incide sulla nozione stessa di cittadinanza e di patria: sono cittadini tutti coloro che condividono le sorti della comunità nella quale vivono e ad essi spetta uguaglianza di diritti e doveri”.

A seguito di questa pronuncia, tutti gli stranieri in possesso di un valido titolo di soggiorno in Italia, potranno accedere alla selezioni per il servizio civile.

Scarica qui il testo della sentenza