PUBBLICATA LA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE SULL'ART. 3, COMMA 1, DEL C.D. JOBS ACT

09/11/2018 17:27:29

È stata pubblicata la sentenza n. 194/2018 con cui la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittima la disposizione del c.d. Jobs Act, che stabilisce il criterio di computo del risarcimento dovuto in ipotesi di licenziamento illegittimo.

La Corte, dopo una disamina dell’evoluzione della giurisprudenza costituzionale in materia e ricordato che "la qualificazione come «indennità» dell’obbligazione prevista dall’art. 3, comma 1, del d.lgs. n. 23 del 2015 non ne esclude la natura di rimedio risarcitorio" dal momento che il licenziamento intimato in assenza di giustificato motivo oggettivo e giusta causa - salva l'ipotesi di insussistenza del fatto materiale contestato - "anche se efficace, in quanto idoneo a estinguere il rapporto di lavoro, costituisce pur sempre un atto illecito, essendo adottato in violazione della preesistente non modificata norma imperativa secondo cui «il licenziamento del prestatore di lavoro non può avvenire che per giusta causa ai sensi dell’art. 2119 del Codice civile o per giustificato motivo» (art. 1 della legge n. 604 del 1966)", rileva come il meccanismo di quantificazione indicato dalla norma in esame "connota l’indennità come rigida, in quanto non graduabile in relazione a parametri diversi dall’anzianità di servizio, e la rende uniforme per tutti i lavoratori con la stessa anzianità", con conseguente illegittimità della disposizione normativa in commento anzitutto per contrasto con principio di eguaglianza sotto il profilo dell’ingiustificata omologazione di situazioni diverse (art. 3 Cost.).

Peraltro, prosegue la Corte, "L’art. 3, comma 1, del d.lgs. n. 23 del 2015, nella parte in cui determina l’indennità in un «importo pari a due mensilità dell’ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del trattamento di fine rapporto per ogni anno di servizio», contrasta altresì con il principio di ragionevolezza, sotto il profilo dell’inidoneità dell’indennità medesima a costituire un adeguato ristoro del concreto pregiudizio subito dal lavoratore a causa del licenziamento illegittimo e un’adeguata dissuasione del datore di lavoro dal licenziare illegittimamente". Tale considerazione porta la Corte a ritenere la disposizione normativa illegittima anche perché in contrasto con gli artt. 4, primo comma, e 35, primo comma, Cost., che tutelano l’interesse del lavoratore alla stabilità dell’occupazione.

In proposito i Giudici puntualizzano che "L’irragionevolezza del rimedio previsto dall’art. 3, comma 1, del d.lgs. n. 23 del 2015 assume, in realtà, un rilievo ancor maggiore alla luce del particolare valore che la Costituzione attribuisce al lavoro (artt. 1, primo comma, 4 e 35 Cost.), per realizzare un pieno sviluppo della personalità umana (sentenza n. 163 del 1983, punto 6. del Considerato in diritto). Il «diritto al lavoro» (art. 4, primo comma, Cost.) e la «tutela» del lavoro «in tutte le sue forme ed applicazioni» (art. 35, primo comma, Cost.) comportano la garanzia dell’esercizio nei luoghi di lavoro di altri diritti fondamentali costituzionalmente garantiti. Il nesso che lega queste sfere di diritti della persona, quando si intenda procedere a licenziamenti, emerge nella già richiamata sentenza n. 45 del 1965, che fa riferimento ai «principi fondamentali di libertà sindacale, politica e religiosa» (punto 4. del Considerato in diritto), oltre che nella sentenza n. 63 del 1966, là dove si afferma che «il timore del recesso, cioè del licenziamento, spinge o può spingere il lavoratore sulla via della rinuncia a una parte dei propri diritti» (punto 3. del Considerato in diritto)."

Infine, argomenta ancora la Corte, "L’art. 3, comma 1, del d.lgs. n. 23 del 2015, nella parte in cui determina l’indennità in un «importo pari a due mensilità dell’ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del trattamento di fine rapporto per ogni anno di servizio», viola anche gli artt. 76 e 117, primo comma, Cost., in relazione all’art. 24 della Carta sociale europea", il quale "prevede che, per assicurare l’effettivo esercizio del diritto a una tutela in caso di licenziamento, le Parti contraenti si impegnano a riconoscere «il diritto dei lavoratori licenziati senza un valido motivo, ad un congruo indennizzo o altra adeguata riparazione» (primo comma, lettera b).".

Leggi il testo integrale della sentenza